4 minuti

L’ e-commerce non è la panacea di tutti i mali, non rappresenta necessariamente la soluzione per trovare nuovi sbocchi di mercato e aumentare le vendite. E in ogni caso, si tratta di una strada in salita.

Fare e-commerce non vuol dire “mettere un sito online”

e-commerce

E’ vero, i dati lo confermano: la crescita dell’ e-commerce è inarrestabile. Nel corso degli ultimi anni il fatturato delle aziende che operano nel mercato online, è cresciuto in maniera esponenziale (c/a 32 miliardi di €) registrando incrementi stimati in oltre il 10% su base annua. Ma lo scenario è radicalmente cambiato rispetto a qualche anno fa e le difficoltà per emergere in un contesto ipercompetitivo, sono aumentate in maniera considerevole.

In tantissimi hanno cercato e cercano nel mercato digitale globale, una nuova opportunità di vendita, piccola o grande che sia.  Ma la strada è particolarmente complessa: abbiamo potuto registrare alcuni casi di successo, certo, ma nella stragrande maggioranza dei casi, gli insuccessi si sono moltiplicati.

La ricerca costante di nuovi clienti non costituisce necessariamente una strategia efficace sul lungo periodo

L’ e-commerce non è una moda

L’e-commerce è senza dubbio un progetto molto più ampio che necessita di un lavoro attento di analisi preventiva: qualità e posizionamento del prodotto, identificazione dei potenziali clienti e dei canali più efficaci per intercettare questi ultimi, identificazione degli elementi che ci differenziano dalla concorrenza, capacità di investimento, rappresentano senz’altro alcuni degli obiettivi principali da valutare con molta attenzione in una fase progettuale.

Troppo spesso invece, non si tiene in debita considerazione questo aspetto. Si finisce per compiere il grossolano errore di credere che sia sufficiente dotarsi della migliore piattaforma e-commerce (ammesso che quest’ultima esista) o magari di quella più conveniente e/o proporre il prezzo di vendita più basso per avere successo online. Niente di più sbagliato !

Serve piuttosto un modello di qualità per la progettazione e lo sviluppo di un sito web, in particolare un sito e-commerce.

Quali sono allora gli elementi da analizzare, quali le variabili di cui tener conto nell’attuale contesto di mercato? Scopriamolo insieme

Prima di investire 1 solo euro dovresti tenere conto di questi fattori:

Tempo: sono dell’idea che si tratti di un aspetto determinante. E’ fondamentale comprendere che un progetto e-commerce serio, non può produrre risultati nel breve periodo anche se tu lavorassi in un improbabile settore di nicchia caratterizzato da una limitata concorrenza. Bisogna guardare inevitabilmente nel medio lungo periodo.
Occorre tempo per guadagnare visibilità sui motori di ricerca, occorre ancora più tempo per scalare le classifiche per le keywords che meglio rappresentano la tua attività, per acquisire nuovi clienti e  generare un flusso costante di vendite.

Capitali: e  il tempo, porta con se anche gli investimenti necessari. Non ci sono alternative, non esistono trucchi e/o ricette miracolose che possano far decollare il tuo progetto e-commerce a costo zero. “Ma come!” ti starai chiedendo, “qui ti propongono siti a partire da poche decine di euro l’anno e tu parli di investimenti ?”

Vedi,  è proprio il livellamento dei prezzi verso il basso dei più disparati servizi web (hosting, server, connettività, software, etc) a complicare la storia, a generare una accesa competizione tra un numero crescente di possibili competirors, a rendere sempre più difficile creare una vera differenziazione del valore dei servizi e/o dei prodotti offerti.

Fattene una ragione, devi disporre di un budget “adeguato” in una fase di start-up (infrastrutture web, progettazione del sito, accessibilità, ottimizzazione dei contenuti, strategia di posizionamento) e soprattutto “funzionale” nel breve lungo periodo (comunicazione, sviluppo visibilità, campagne Google, Social, etc). Lo scenario attuale, impone che tu ti concentri sul progetto di Marketing legato al lancio del tuo sito web, perchè la competizione, che ti piaccia o no, è tutta li, su quali somme potrai investire per differenziare il tuo business.

Valuta la concorrenza: prima di affondare il colpo  valuta con molta attenzione il mercato ed in particolare le strategie dei tuoi concorrenti. Non cadere nella tentazione di esserci solo perchè il tuo “peggior nemico” è li, col suo bel sito web, e tu non puoi non esserci. Cerca di capire come il tuo concorrente posiziona i prodotti/servizi, a quale target specifico si rivolge, quali sono i punti di forza che puoi metter in campo e che possono differenziati.

“Un progetto vincente non parte dal prodotto venduto ma del problema risolto, della necessità soddisfatta” (cit. A.Mazzu)

Valuta le risorse interne: la tua esperienza è imprescindibile, quella dei tuoi collaboratori altrettanto. E’ importante però, valutare se le risorse che hai identificato per gestire i processi sono adeguatamente formate, se sono o saranno in grado in tempi brevi  di supportare le nuove sfide tecnologiche: tempi di risposta, capacità di interazione, supporto clienti sono fasi che richiedono attenzione e predisposizione necessaria.  Come ripeto spesso:

        Il futuro delle aziende sarà segnato sempre di più dalla capacità di tenere alto il livello di soddisfazione dei propri clienti.

Amazon domina il mercato dell’e-commerce perché vende tutto al prezzo più basso? No, semplicemente i suoi clienti si fidano ciecamente del suo Customer Service. Oggi più che mai, trasparenza e capacità di creare valore intorno ai Servizi, è la vera sfida di ogni impresa.

In questo percorso, soprattutto in una fase di analisi e valutazione, potrebbe essere molto utile affidarti ad un consulente web marketing che possa guidarti nelle scelte, analizzare coerentemente la fattibilità del tuo progetto web, verificare le condizioni di base, proporti delle possibili soluzioni a seconda degli scenari e dei contesti infrastrutturali, accompagnarti in sostanza lungo questo che, come avrai intuito, è un viaggio niente affatto banale, che nasconde insidie pericolose.

 

 

Questo articolo è stato letto 75 volte

Shares

About Vincenzo Carrettiere

Vanto una ventennale esperienza come dirigente aziendale nel modo della consumer electronics, con un’ampia specializzazione in tutti gli aspetti di gestione commerciale, tecnici e organizzativi. Nel corso degli anni ho instaurato numerose relazioni professionali in ambito nazionale ed internazionale. Ho contribuito, a partire dalla fine degli anni 90, alla progettazione ed allo sviluppo di piattaforme E-Commerce B2B B2C , avviando una delle primissime e più significative attività di E-Commerce in Italia. Ho approfondito le tematiche del settore sviluppando le conoscenze in ambito Web Marketing & Seo. La passione, la curiosità e soprattutto la necessità di valutare le opportunità di sviluppo imprenditoriale, mi hanno spinto a seguire da vicino le evoluzioni del Web Marketing, maturando significative conoscenze ed esperienze relativamente allo sviluppo di strategie in ambito Social Media. Ho collaborato e collaboro, in qualità di consulente web marketing, con diverse aziende di primaria importanza.
L’ e-commerce non è la panacea di tutti i mali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recommended
Costruire un rapporto di fiducia con i clienti, e alimentarlo nel…
Shares
Richiedi subito una consulenza personalizzataRichiedi