4 minuti

Quando si parla di performance marketing esistono sostanzialmente tre diversi criteri di pianificazione e ottimizzazione delle campagne. Tre sistemi attraverso i quali  l’inserzionista sviluppa il suo piano marketing con l’obiettivo di ottimizzare il budget e e misurare l’investimento.

CPC: è il Cost per Click (detto anche PPC – Pay per Click) è una modalità di acquisto e pagamento della pubblicità online; l’inserzionista paga una tariffa unitaria in proporzione ai click (click-through rate), ovvero solo quando un utente clicca effettivamente sull’annuncio pubblicitario[1]. Un esempio di pubblicità pay per click è rappresentato dal keyword advertising, cioè annunci sponsorizzati che compaiono a lato dei risultati “puri” dei motori di ricerca.

CPM: ovvero Cost per Impressions (o Cost Per Thousand – CPT) spesso abbreviato con PPI è un termine utilizzato nell’Internet marketing. Si riferisce a tutte le tipologie di remunerazione tramite banner pubblicitari e di intrattenimento pubblicitario visivo in cui gli inserzionisti ogniqualvolta un annuncio viene visualizzato.

In generale guadagni degli editori si definisce in termini di CPM cioè costo di 1000 esposizioni.

CPA: è un indicatore usato nella pubblicità e nel marketing per identificare il costo di una determinata azione compiuta da un utente. Questo parametro è usato maggiormente nel web marketing e l’azione può essere definita in vari modi ad esempio possiamo rappresentarla come acquisto di un prodotto, un click su un annuncio online (vedi pay per click), registrazione ad un form, iscrizione ad una newsletter.

L’acronimo CPA è usato anche per individuare un modello di pubblicità dove l’inserzionista paga soltanto quando effettivamente avviene un’azione.

Questo parametro è strettamente basato sui risultati e per questo preferito in molti casi dagli inserzionisti. Le limitazioni al suo uso sono tecniche ovvero in media come la tv o la radio la misurazione del CPA è più difficile, mentre è più semplice nel media Internet, grazie agli strumenti disponibili per tracciare i visitatori dei siti web (come ad esempio Google Analytics

Contenuti estratti da wikipedia

Tra CPC e CPM io scelgo campagne con il CPA (guida pratica)

Offerta basata sul costo per acquisizione (CPA)

  • L’offerta basata sul costo per acquisizione (CPA) è un metodo di offerta che ti permette di comunicare ad AdWords l’importo che sei disposto a pagare per una conversione.
  • L’offerta basata su CPA può aiutarti a raggiungere clienti che hanno probabilità di intraprendere un’azione sul tuo sito web.
  • È parte dello Strumento per ottimizzare le conversioni.

L’offerta basata su CPA privilegia l’ottimizzazione delle conversioni anziché dei clic. Paghi sempre per i clic, ma AdWords imposta automaticamente le tue offerte per aiutarti a ottenere più conversioni.

Tipi di offerte basate su CPA

Puoi utilizzare l’offerta basata su CPA impostando il monitoraggio delle conversioni e attivando lo Strumento per ottimizzare le conversioni per la tua campagna. Quando imposti lo Strumento per ottimizzare le conversioni, puoi scegliere tra due tipi di offerte basate su CPA:

  • CPA target: è l’importo medio che sei disposto a pagare per una conversione. Alcune offerte saranno superiori a questo valore target, mentre altre saranno inferiori; tuttavia, nel complesso, il costo per conversione dovrebbe attestarsi mediamente sul valore del CPA target impostato.
  • CPA massimo: l’importo massimo che sei disposto a pagare per ogni conversione. Quando utilizzi lo Strumento per ottimizzare le conversioni, la maggior parte delle tue offerte sarà inferiore all’importo massimo impostato.

Ti consigliamo di utilizzare il CPA target, in quanto consente di monitorare più facilmente i costi delle conversione medi. Inoltre, gli utenti che utilizzano questa opzione tendono a ricevere più conversioni.

Determinazione dell’importo dell’offerta basata su CPA

Se imposti lo Strumento per ottimizzare le conversioni, Google fornisce un’offerta consigliata, che viene calcolata per garantire una transizione graduale alla nuova modalità di offerta. L’offerta consigliata è basata sul tuo rendimento storico; pertanto, ti suggeriamo di iniziare con l’offerta consigliata quindi di osservare il rendimento e apportare le modifiche necessarie. Se imposti un’offerta basata su CPA max o un’offerta basata su CPA target sull’importo consigliato, dovresti osservare un aumento del numero di conversioni senza troppe modifiche al CPA medio esistente.

Dopo avere utilizzato per un po’ di tempo lo Strumento per ottimizzare le conversioni, verifica il costo medio:

  • Se rientra in un intervallo accettabile, puoi aumentare l’offerta CPA massimo per ottenere più conversioni.
  • Se il costo è superiore rispetto a quello desiderato, può ridurre l’offerta. Questa operazione probabilmente abbasserà il tuo CPA medio e ridurrà anche il numero di conversioni ricevute.

Utilizza il Simulatore di CPA target per stimare in che modo le modifiche al CPA target potrebbero influire sul volume delle conversioni.

Importo effettivamente addebitato

È possibile che talvolta il CPA effettivo superi l’offerta basata su CPA max o l’offerta basata su CPA target. I motivi sono i seguenti:

  • Il tuo CPA effettivo dipende da fattori al di fuori del controllo di Google, ad esempio modifiche del tuo sito web e dei tuoi annunci o dall’aumento della concorrenza nelle aste degli annunci.
  • Il tasso di conversione effettivo può rivelarsi inferiore a quello previsto.

Tuttavia il sistema è stato progettato per correggersi automaticamente nel lungo termine, pertanto più a lungo utilizzerai l’offerta basata su CPA, minore è la probabilità che il CPA effettivo superi la tua offerta specificata.

Come modificare l’offerta basata su CPA

Sebbene la prima offerta basata su CPA deve essere indicata nel momento in cui attivi lo Strumento per ottimizzare le conversioni per la tua campagna, puoi tornare indietro e modificare l’offerta in qualsiasi momento procedendo nel seguente modo.

Modifica dell’offerta basata su CPA per un singolo gruppo di annunci

  1. Accedi all’account AdWords.
  2. Fai clic sulla scheda Campagne.
  3. Fai clic sulla scheda Gruppi di annunci.
  4. Individua il gruppo di annunci che contiene l’offerta CPA max o CPA target da modificare.  Quando posizioni il cursore sulle righe, viene visualizzata un’icona a forma di matita. Fai clic sull’offerta CPA max o basata su CPA target per modificarla.
  5. Inserisci l’importo che desideri utilizzare per l’offerta.
  6. Seleziona Salva per terminare.

 

Contenuto di riferimento:

 

Questo articolo è stato letto 47 volte

Shares

About Vincenzo Carrettiere

Vanto una ventennale esperienza come dirigente aziendale nel modo della consumer electronics, con un’ampia specializzazione in tutti gli aspetti di gestione commerciale, tecnici e organizzativi. Nel corso degli anni ho instaurato numerose relazioni professionali in ambito nazionale ed internazionale. Ho contribuito, a partire dalla fine degli anni 90, alla progettazione ed allo sviluppo di piattaforme E-Commerce B2B B2C , avviando una delle primissime e più significative attività di E-Commerce in Italia. Ho approfondito le tematiche del settore sviluppando le conoscenze in ambito Web Marketing & Seo. La passione, la curiosità e soprattutto la necessità di valutare le opportunità di sviluppo imprenditoriale, mi hanno spinto a seguire da vicino le evoluzioni del Web Marketing, maturando significative conoscenze ed esperienze relativamente allo sviluppo di strategie in ambito Social Media. Ho collaborato e collaboro, in qualità di consulente web marketing, con diverse aziende di primaria importanza.
Tra CPC e CPM io scelgo il CPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recommended
Recommended
L'e-commerce diventa Social e mobile! Dopo numerose anticipazioni, annunci, rumors,…
Shares
Richiedi subito una consulenza personalizzataRichiedi